mercoledì 4 gennaio 2017

Arcolaio



Si diventa critici
con l'età
e si sente il bisogno
di interloquire con sé stessi.
Si ripercorre una strada
spezzata sicuramente da un dolore
- è necessario -
ma poi tutto si riassembla
si torna a
meditare sul fuso.

 


martedì 13 dicembre 2016

Mundus imaginalis



Non compete con l'immaginario
il mondo reale
esso si nutre di flagelli.
L'immaginazione appartiene al sogno
al gioco e all'armistizio.




.
 


mercoledì 16 novembre 2016

Natura morta



Dove sono

i nostri morti?

Frutta morta, la natura

natura morta, il seme.

Il nero del ricordo

consuma l’apparenza.

Rimane l’anguria tagliata

e il freddo colore dei frutti.







.


mercoledì 9 novembre 2016

L'eterno ritorno



Rumore di passi

sull'acciottolato
sorprendono il buio...

ho gli occhi malati
e l'aria gelata li desta.

Vorrei nel tuo verbo sostare
guardarmi dalla tua fronte
scoprire quell'onta che
il margine sfiora.



Così minuscoli siamo

e brevi
nel suono perentorio di campane
in lontananza...

Qualcosa ci unisce
nella sera che accarezza
l'anta aperta sul cortile.



Eco

Può bastare un'eco
nel buio una voce
a rievocare un viso

La frase cancellata ma
presente

Un petalo di mandorlo
che vola.




.


lunedì 31 ottobre 2016

Cantico ai morti




Canto
nel canto
un cantico ai morti
sulle note imbevute
Nel rosso serale.
De Andrè mi accompagna
- i suoi lugubri accordi -
Risvegliano un fuoco notturno.
Lontano
la pelle
riverbera dentro.




martedì 25 ottobre 2016

Vi presento la nuova Emily Elizabeth Dickinson


zia Adelia Bariffi



U s t i c a

 

Isola delle mie estati

Strade di luce sull’orlo di crateri

Sommersi da millenni silenziosi

Civiltà affioranti – tracce di passi, di pensieri.

Tombe rimaste orfane nel vento

Necropoli alte sul mare

Al costone di faro Homo morto

E un ipogeo –

 
Restituisce il tempo nelle campagne

Pietra scheggiata – ossidiana

Impasti di rozza argilla

E impronta di dita a ornamento,

Ceramica nera – frantumi d’anfora –

 

L’antico dolore del mondo

Ancora grida dentro i vasi lacrimali

L’amore umano – la morte -