giovedì 7 febbraio 2013

Mundus imaginalis


splendida scultura del Bartolini:
*La fiducia in Dio*



* * *









Difficile scegliere in questa carrellata, ieri sera mi sforzavo di ricordare il titolo dell'opera che ho aggiunto: *Io e Giove* del Correggio. La trovo affascinante...così come tutte le opere poco conosciute provo un'attrazione speciale verso quelle che hanno titoli simbolici
come ad esempio *Il filosofo e il poeta* di De Chirico...
(guardare per credere).
Sto cercando una copertina per un mio futuro libricino di poesie...

si accettano suggerimenti!


*

Esiste L'albero di Mondrian ma
esiste anche *L'albero di Magritte* che trovo favoloso...


questo invece è il cedro solitario di Csontvàry...


*Ercola* di Elio Copetti resta sempre una delle mie preferite...:-)


;-)



Ammirevole risultato di movimento in potenza


Tutto quello che non è leggermente deforme ha qualcosa di insensibile...
l'irregolarità è il segno caratteristico della bellezza.
Baudelaire


c'era una prospettiva migliore ma non sono riuscita a trovarla...


- La calma è l'attributo dell'arte nella sua specie più elevata -
Ruskin


*Bimba in rosa* di Modigliani, collezione privata


Grazie Elio!


* * *


*

*

*


* * *



* *



37 commenti:

  1. « Cosa voglio esprimere con la mia opera? Niente di diverso da quello che ogni artista cerca: raggiungere l'armonia tramite l'equilibrio dei rapporti fra linee, colori e superfici. Solo in modo più nitido e più forte.»

    (Piet Mondrian)

    io la penso uguale!;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ultima immagine inserita è sulla copertina del grande capolavoro di George Orwell...:
      La fattoria degli animali.

      Elimina
  2. Bella collezione. Notevole l'immagine di copertina, c'è scritto chi è l'autore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. George Grosz,Circe, 1927

      Ciao Elio!:-)

      Elimina
  3. vero, difficile scegliere - meravigliose le sculture, che non conoscevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo Mario :-) Grazie!
      sono proprio belle queste sculture, hai ragione...pensa che anche io ho scoperto la bella immagine in apertura sfogliando un libro "antico"....Saper vedere, sotto la statua c'è scritto: L'arte è possibile pur col linguaggio accademico.
      al Museo Poldi-Pezzoli la potrai ammirare dal vivo.

      un'altra scultura che non conoscevo neanche io è
      il centometrista, di Martini...
      te la posto :-)
      la trovo fortissima!

      Elimina
  4. per il tuo libro se fosse possibile, ma ne dubito (per i diritti ecc) io metterei il bel dipinto di Pollock

    -the she wolf-

    ciao. sarebbe un contributo all'agreste primissimo, tanto per allontanarci e mai è sufficienza, dal mito quanto in aderenza alla verità dei sensi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un'opera notevole, grazie Michele per avermela indicata...amo tutto ciò che è agreste :-)

      Agro: aspro, pungente, severo, selvatico!

      Grazie!

      ho tempo per scegliere...
      ora aggiungo anche questa tua :-)
      in mezzo a tanta bellezza non posso che goderne!

      Elimina
  5. mi stavo dimenticando delle sculture di Rodin...in particolare quella molto particolare della *Donna uccello*
    Ah!...quante idee mi vengono...

    RispondiElimina
  6. La perfezione è tutta nell'evocazione del nostro Sè più profondo, nell'incessante anelito a raggiungerla, raggiungerci... mi ricorda una scultura di Dalì "Ange", te la mostro sul mio blog...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il suggerimento mia cara, apprezzo molto e ti ho lasciato scritte le mie impressioni
      (non è male neanche Tina Modotti in veste di vasaia;-)
      vedi, la mia poesia è prevalentemente filosofica, segue un preciso *filo rosso* che vorrei precedere con un'immagine Forte!

      a presto :-)

      accetto sempre consigli con grande gratitudine!

      Elimina
  7. non avevo pensato alla bella foto di un paesaggio...

    per chi non l'avesse capito, questo è un mio libro immaginario.

    RispondiElimina
  8. Andando al lavoro, passo spesso davanti alla casa natale di Tina Modotti. Ne hanno risistemato la facciata in maniera curiosa. Un giorno di questi faccio una fato e così vedi :-)
    Ciao Carla, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mio carissimo Elio, grazie per questo pensiero, sarò felicissima di vedere quell'immagine :-)
      a proposito di immagini, il viso della *bimba in rosa* che ieri avevo postato non era quello giusto, perchè appartiene a una collezione privata, così stamattina ho fatto una foto al libro che la riporta e potremo ammirare qualcosa di Modì decisamente nuovo!
      stasera la posto...
      un abbraccio!

      Elimina
  9. ..carellata intensa, profonda e "ammirevole"...

    suggerimenti dici per una copertina...

    difficile data la corposità del suo interno..

    "il titolo??"

    forse darebbe una mano..
    bacio.
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il titolo è TOP SECRET!!!
      (:-)))
      scherzo...
      il titolo è il profumo di un fiore...
      ciao Moni cara
      un bacione!

      Elimina
    2. .... beh è un titolo che "spazia" in un universo infinito e schiude essenze e armonie... la copertina ha una responsabilità non indifferente...

      ci penso.. baci.

      m.

      Elimina
    3. sto pensando a diversi titoli, a dir la verità!
      te li elenco (così non me li dimentico;-)

      Crateri

      Rosa rosae rosarum

      Declinazione dell'azzurro

      Tripetali rosssi

      (Sinusoidi morbide:-)

      Olea fragrans rubra

      e via così...

      sento il bisogno di mettere insieme il mosaico dei miei pensieri, e mi voglio prendere tutta la calma del mondo!

      ciao Moni, grazie

      Elimina
  10. Splendide immagini. Tutte.
    L'arte ha il suo valore e differenziare un valore è impossibile.
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano :-)
      è vero, ogni immagine ha tutta una sua storia, una sua geografia dell'anima...per questo voglio sceglierla bene!

      a presto

      Elimina
  11. Grazie Elio, non poteva mancare la presenza di Neruda...
    il suo fiume invisibile :-)

    RispondiElimina
  12. ma come si intitola il tuo libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *Sinusoidi morbide*

      Ciao Stefano Gugl

      Elimina
    2. allora ci vuole una foto con le curve, ma non di donna perché è troppo scontato. Un bel tubo di scappamento? ma forse non sei una poetessa futurista :-)

      Elimina
    3. i tubi di scappamento li odio, io intendo un'altro tipo di ferro :-)
      comunque pensavo alle sinusoidi immaginando (e sentendo) la vibrazione sonora provocata dalle onde magnetiche simile a un canto di Balena...

      il futuro non mi attrae così come la troppa tecnologia che ormai impera ovunque.

      ciao Gugl :-)

      Elimina
    4. ho letto in un tuo vecchio post che cosa intendi per sinusoidi morbide: ci vuole un corpo femminile per forza o un sinusoide con la faccia di george clooney :-)

      Elimina
    5. in verità sono ancora indecisa sul titolo...ci penso su ancora un pò...elogio della lentezza (parafrasando Valèry:-)

      Elimina
  13. A me piacciono tanto le tue foto Carla, c'è in esse molta spontanetà, dolcezza, semplicità,e serenità. Ecco, trovo ci sia dentro te una particolare sensibilità per l'immagine, e pertanto penso che così come sono tuoi i pensieri ed i versi allo stesso modo e con altrettanto merito potrebbe essere tua la copertina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ne sono lusingata...mi sono accorta di avere questa passione da un pò di tempo e ho capito che lo scatto, per essere efficace, deve essere rapido e non troppo studiato.
      Penserò al suggerimento...
      un saluto :-)

      Elimina
  14. La mia visione della "bellezza" si accosta molto a quella di Baudelaire. Soggettiva, mai canonica, a volte occasionale...
    un sorriso
    Gautier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, ognuno ha la sua visione della bellezza...
      quella sotteranea ad esempio
      è la mia preferita.

      Elimina
  15. per il libro, la prima immagine, di schiena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Massimo, terrò in considerazione questa scelta...piace molto anche a me, come mi piace Pollock che ha scelto Michele.
      penso di mettere più immagini nel libro...:-)

      Elimina
  16. tutte belle le immagini sceglierei l'albero di Mondrian se invece vuoi un mio suggerimento sceglierei tra le improvvisation di kandinsky. per quel che riguarda la tecnologia la penso come te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kandinsky mi è sempre piaciuto, avrei voluto metterlo come copertina al mio primo libro ma poi lietocolle me lo ha boocciato!:-)diceva che era troppo "comune"...io comunque prediligo Improvisation 3
      Mondian è geniale!
      Grazie per essere passato, ci tenevo :-)

      a presto

      p.s., ho un mente un titolo...
      che è una vera rapsodia!

      Elimina
  17. http://ceifan.org/calchi_pompei_ercolano_file/59.jpg

    una buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è talmente significativa che ho inserito l'immagine.
      Grazie Michele!

      Elimina